LiberoReporter

Francia: ancora a ferro e fuoco Parigi, gilet gialli inarrestabili

Il ventitreesimo sabato di protesta dei Jilets Jaunes è intriso di pauperismo, perché il movimento ha reagito male al miliardo di euro subito stanziato per la ricostruzione di Notre Dame. Macron ha subito risposto ricordando di aver a sua volta stanziato dieci miliardi per le esigenze dei Francesi più disagiati. Gli incidenti sono stati provocati alla Bastiglia, nelle vie adiacenti il boulevard Richard Lenoir, dai soliti casseurs che hanno provocato lo scontro diretto con le ingenti forze di polizia che ieri presidiavano le città francesi.
Nonostante siano stati bersaglio di gas lacrimogeni, flashballs e proiettili di gomma, nel percorso che va a Place de la République i casseurs, in preda alla loro collera ed alla loro furia devastatrice, sono riusciti a danneggiare negozi e a dare a fuoco moto e automobili.
Sono state anche incendiate delle transenne.

Un altro ultimatum a Macron
Si tratta dell'”Ultimatum 2″ al Presidente Emmanuel Macron, dopo quello del 16 marzo scorso. La risposta di Macron, rimandata in seguito al rogo di Notre Dame, è attesa per giovedì 25 Aprile, quando il presidente francese annuncerà il suo piano di riforme.
Uno degli slogan dei manifestanti contro i poliziotti era: “Suicidatevi!”. Un comunicato del Ministero degli Interni precisa che sono quattordici gli agenti rimasti feriti negli scontri. In un tweet, il Ministro Cristophe Castaner ed il sottosegretario Laurent Nunez hanno espresso “un pensiero per quanti sono rimasti feriti oggi”. In tutta la Francia ieri erano mobilitati sessantamila poliziotti. Il bilancio conclusivo serale del Ministero degli Interni parla di novemila Jilets Jaunes scesi in piazza e di 227 fermi.
In tutta la Francia sono scese in piazza 27.900 persone, contro le 31.000 di sabato scorso. Dalla Prefettura di Parigi si è appreso di oltre 20.000 controlli preventivi. La zona di divieto a manifestare nella capitale francese è stata ieri estesa dagli Champs Elysés alla zona di Notre Dame.

Giancarlo De Palo

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends