LiberoReporter

Parigi violentata: gilet gialli e black bloc devastano la capitale francese

Se per un certo tempo c’è stata una qualche simpatia per la tenacia dei gilet gialli francesi, adesso insieme alla devastante contaminazione dei tristemente famosi black bloc, l’irritazione per le inutili violenze che hanno messo in ginocchio, l’ultima oggi, la capitale francese, sta cominciando a creare un enorme fossato tra questi pseudo manifestanti e l’opinione pubblica transalpina e internazionale.

Vedere Parigi sotto il fuoco di fila di una serie di incappucciati dementi, è desolante: nei pressi degli Champs-Elysées in questa giornata si sono verificati diversi scontri tra forze dell’ordine e questi imbecilli patentati, che ormai inchiodano una delle più belle città del mondo da ben 18 sabato di fila. A Place de l’Etoile hanno devastato negozi e ristoranti che si trovavano a tiro, saccheggiando ogni cosa. Bersagliati tutti quei negozi “firmati”, da Lacoste a Swarovski, passando per Hugo Boss e Foot Locker. Insomma con tutta la buona volontà è impossibile giustificare una tale stupidità d’azione. Unica nota positiva il gesto del primo ministro francese Edouard Philippe, che è andato a trovare gli uomini e le donne delle forze dell’ordine schierate a protezione nei pressi di Petit-Palais. Un gesto che certamente gli agenti non dimenticheranno.
Alla fine 230 persone, un po’ pochine, sono state arrestate, mentre 17 poliziotti e un pompiere sono finiti in ospedale. Forse è il caso che le autorità francesi inizino a usare il pugno di ferro per debellare questo scempio con cadenza settimanale… Per non contare i danni che la città è costretta a subire.

Truman Siciliano

 

 

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends