LiberoReporter

Effetto Serra: l’adolescenza in piazza con i genitori per dire “Basta” al menefreghismo ambientale

Del “Climat change” ci siamo occupati più volte su LiberoReporter, in particolare all’indomani del “dubbio ‘successo storico’” del Cop21 parigino, il 4 gennaio 2016. Fu allora che fummo tra i primi a divulgare il neologismo “Antropocene”, riuscendo ad indovinare perfino la data nella quale esso è stato poi prescelto per designare l’inizio dell’era geologica nella quale ormai ufficialmente viviamo: il 16 luglio 1945, giorno “in cui gli Stati Uniti fecero esplodere con successo ad Alamagordo, nel Nuovo Messico, la loro prima bomba atomica di prova”, prototipo di quelle sganciate poche settimane dopo su Hiroshima e Nagasaki, che conclusero la Seconda Guerra mondiale (significato = Antropocene).
Nel 2016, quando si è trovata improvvisamente sbalzata, dopo undicimila anni di Olocene, appunto nell’Antropocene, non aveva che tredici anni Greta Thunberg, la bionda adolescente di Stoccolma che è uscita da una gravissima forma di depressione di stampo autistico grazie alla solidarietà trovata nei genitori, mettendosi, sempre accompagnata dal padre e nell’inseparabile compagnia dell’attivista di origine australiana Janine O’Keene, alla guida dei #FridaysforFuture, lanciando infine la mobilitazione mondiale di ieri, Venerdì 15 Marzo. Ad essa hanno aderito gli adolescenti di tutti e cinque i Continenti.
Un pallido precedente di quel che di pulito e bello sì è visto ieri per le strade di tutte le grandi Città del Mondo è il torbido 1968 euroamericano, che aprì le porte agli Anni di Piombo del terrorismo di sinistra, soprattutto in Italia e Germania. Allora i figli di papà che fecero la guerriglia a Roma in Valle Giulia suscitarono lo sdegno del grande Poeta Pier Paolo Pasolini, e si strizzavano l’occhio, e non solo, con i politici e gli intellettuali di estrema sinistra.
Oggi, in tempi di nuovo terrorismo internazionale, sono talmente giovani che si lasciano accompagnare dai loro preoccupati ma solidali genitori. Come è avvenuto ieri ai Fori Imperiali di Roma, dove oltre seimila studenti hanno “marinato” la scuola, senza il consenso del ministro dell’Istruzione, ma con l’accompagnamento appunto di mamma e papà e l’approvazione di tutti gli scienziati del Mondo.

Giancarlo De Palo

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends