LiberoReporter

Brexit: la ricetta Ue, 12 aprile o 22 maggio uscita… Dipende da ok accordo Camera Comuni GB

La May si dovrà accontentare: non ci sarà una proroga fino al 30 giugno prossimo, cosa che aveva richiesto la premier inglese al Presidente del Consiglio europeo Tusk, ma i 27 hanno deciso per dare due date possibili e questo a secondo della approvazione dell’accordo da parte della Camera dei Comuni o meno. In pratica, se in Gran Bretagna ci fosse l’approvazione dell’accordo di ritiro, a seguito dell’ennesimo voto che si appresta la settimana prossima ad affrontare la camera bassa del Parlamento del Regno Unito, allora l’uscita sarà posticipata dal 29 marzo al 22 maggio, prima del voto delle Elezioni Europee a cui i britannici non dovranno partecipare. Nel secondo caso, se vi sarà l’ennesimo rifiuto del Parlamento all’accordo, allora la data massima di rinvio sarà il 12 aprile e questo per svariate opzione che i sudditi di Sua Maestà o meglio, chi li governa, avranno: “Accordo, No Deal, rinvio lungo o revoca articolo 50”, come lo stesso Tusk ha dichiarato in conferenza stampa.
Il presidente del Consiglio europeo ha tenuto a precisare che “Il 12 aprile è la data chiave per la decisione del Regno Unito, se tenere o meno le elezioni europee. Se entro quella data non avrà ancora deciso, l’opzione di un rinvio lungo diverrà automaticamente impossibile.”

 

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends