LiberoReporter

Padre Dall’Oglio: curdi smentiscono, “Non sappiamo neppure se sia vivo”

Padre Paolo Dall’Oglio

Ieri il giornale inglese “Times” aveva pubblicato la notizia che il nostro connazionale, il gesuità Padre Paolo Dall’Oglio, rapito a Raqqa in Siria nel 2013, secondo fonti ad altissimo livello dei combattenti curdi, era vivo ed oggetto, insieme a un giornalista inglese e una crocerossina neozelandese, di scambio per un salvacondotto degli ultimi miliziani del sedicente Stato islamico che vogliono fuggire dalla zona. Oggi un portavoce del nucleo di protezione del popolo curdo (Ypg) in Siria, Redur Khalil, ha seccamente smentito quanto dichiarato dal giornale britannico, attraverso una dichiarazione rilasciata alla tv ‘al Arabiya’. Il portavoce dei curdi ha sottolineato che non solo non esiste una trattativa tra curdi e miliziani dell’Isis, ma che neppure sono in grado di confermare che i tre rapiti, ostaggi dell’Is, siano ancora in vita, non avendo in corso alcuna negoziazione con Daesh per una via di fuga concordata.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends