LiberoReporter

Meteo: in arrivo freddo polare e neve a bassa quota

METEO, SVOLTA INVERNALE LA PROSSIMA SETTIMANA: IMPULSI POLARI PUNTANO IL MEDITERRANEO – Come anticipato da alcuni giorni, in concomitanza dell’inizio della nuova settimana è atteso un radicale cambio di circolazione atmosferica sull’Europa, in particolare sui Paesi occidentali, dove l’Anticiclone delle Azzorre presente ormai da settimane verrà rimpiazzato dalle correnti più instabili atlantiche, specie tra Gran Bretagna, Francia e Spagna. Pressione atmosferica già in decisa diminuzione in queste ore anche sul Mediterraneo centro-occidentale, con una perturbazione in transito sull’Italia, che sarà poi seguita dalla formazione di una modesta circolazione depressionaria sul Mediterraneo nel corso del weekend, responsabile di frequente instabilità atmosferica anche su diverse regioni d’Italia (specie al Centro-Sud), con rovesci e qualche nevicata sull’Appennino a partire da quote medie.

Ma una vera e propria svolta invernale si avrà tuttavia nella nuova settimana, quando una serie di impulsi polari si metteranno in moto verso l’Europa occidentale direttamente dalla Groenlandia. Questi impulsi, gettandosi sul Mediterraneo occidentale, daranno vita ad una ciclogenesi mediterranea, che potrebbe inoltre favorire un’avvezione di aria artica che andrà ad interessare gran parte del Vecchio Continentale, Italia compresa.

CICLOGENESI MEDITERRANEA, MALTEMPO CON PIOGGIA E NEVE ANCHE IN ITALIA – In questo contesto, con buona probabilità, l’Italia dovrà fare i conti con un vortice di bassa pressione, responsabile di ondate di maltempo a più riprese soprattutto sulle regioni del Centro-Sud e sulle Isole Maggiori, ma con interessamento a tratti anche delle regioni settentrionali. Proprio sul Nord Italia, l’interazione con l’aria più fredda in ingresso dai Balcani, potrebbe favorire nevicate a quote molto basse (se non a tratti in pianura), più probabili ad ora tra basso Piemonte ed Emilia nelle giornate del 23 e del 24 gennaio; neve a tratti in collina possibile anche al Centro e in Sardegna, copiosa sull’Appennino centrale. Quota neve più elevata invece al Sud, in virtù del richiamo di venti meridionali in quota, ma le nevicate non dovrebbero comunque mancare anche lungo tutto l’Appennino meridionale. Oltre alle precipitazioni si aggiungeranno anche venti a tratti sostenuti a rotazione ciclonica su tutti i nostri mari.

Sul finire della prossima settimana, questa ciclogenesi mediterranea potrebbe favorire l’arrivo di una ondata di freddo più consistente soprattutto al Nord, a seguito di una irruzione di aria artico-continentale sull’Europa centro-orientale.La distanza temporale tuttavia impone ancora molta cautela su questo punto, che necessiterà di ulteriori conferme nei prossimi giorni.

Ad ogni modo, nonostante l’impianto generale sembra confermato dai principali modelli numerici, ad oggi risulta ancora difficile stabilire dove e quanto pioverà o nevicherà, in quanto tutto dipenderà dall’esatta collocazione dei vortici depressionari in sede mediterranea. Le previsioni dunque in questa fase potranno subire importanti aggiornamenti, che vi consigliamo di seguire costantemente sia sul sito che sull’APP di 3BMeteo.

 

(fonte e dati: 3bmeteo.com)

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends