LiberoReporter

Libano: è emergenza sanitaria in campi profughi siriani, al collasso sistemi fognari

Da inizio gennaio le ripetute tempeste di pioggia, vento e neve nella valle della Bekaa hanno provocato inondazioni negli insediamenti dei rifugiati siriani, dove le acque grigie e reflue si sono mescolate con l’acqua potabile, costituendo un enorme pericolo per la salute pubblica.

Milano, 30 gennaio 2019. “I sistemi fognari dei campi profughi che sono collassati sono soluzioni di emergenza progettate per brevi periodi, ma oltre 350.000 persone li hanno usati per quasi otto anni dall’inizio del conflitto” dice Beatriz Navarro, direttrice di Azione contro la Fame in Libano. “I nostri team stanno lavorando contro il tempo non solo per la risposta all’emergenza freddo, ma anche per introdurre miglioramenti tali da resistere all’impatto delle tempeste che potrebbero verificarsi nei prossimi due o tre mesiLe tende dei rifugiati sono molto vicine tra loro e non hanno un sistema di drenaggio adeguato. I rifugiati hanno scavato canali, ma non abbastanza profondi per deviare la quantità di acqua scaricata dalle ultime tempeste di pioggia e neve“.

La gestione dei rifiuti e la salute pubblica

I nostri team stanno insegnando ai bambini l’importanza di una corretta gestione dei rifiuti per la salute di tutti. “Abbiamo distribuito contenitori e borse per migliorare la gestione dei rifiuti nei campi. I problemi sorgono quando i rifiuti generati sono maggiori della frequenza con cui i comuni li raccolgono. Questo problema è emerso ancor più forte con le ultime inondazioni nei campi“. La tempesta Miriam del 17 gennaio ha fatto traboccare le fosse biologiche che si sono mescolate al fango. “Le famiglie hanno impiegato più di una settimana per pulire e rendere possibile il ritorno alle loro case” afferma Marcial Rodríguez, responsabile di Azione contro la Fame a Zahle, in Libano.

Alcuni dei campi profughi sono ancora allagati. Sono circondati da canali di irrigazione, in mezzo a aree agricole. “Durante la tempesta Norma del 6 gennaio, i canali si sono riempiti d’acqua troppo velocemente, allagando la fila di negozi sulle sponde. Le persone sono state costrette a trasferirsi anche prima dell’arrivo di Miriam e ancora, non si sentono sicure nel tornare alle loro case” spiega Marcial “Abbiamo distribuito pallet affinché possano tenere i materassi all’asciutto sul terreno ancora umido“.

Bambini e anziani si ammalano per il freddo e l’umidità

L’umidità persistente è causa di influenza, polmonite, febbre, allergie soprattutto tra bambini e anziani. I campi circondati dai canali di irrigazione non sono ancora completamente asciutti dopo le tempeste e sono diventati terreno fertile per batteri e cattive condizioni igieniche. “Nonostante gli sforzi delle persone per mantenere una minima igiene personale e pulire i negozi, il fango rende tutto vano. Inoltre, il reddito che la popolazione ha qui è molto limitato poiché si limita alla stagione agricola e durante l’inverno dipendono completamente dagli aiuti umanitari dall’esterno

Azione contro la Fame è un’organizzazione umanitaria internazionale leader nella lotta contro le cause e le conseguenze della fame. Da 40 anni, in circa 50 Paesi, salviamo la vita di bambini malnutriti, assicuriamo alle famiglie acqua potabile, cibo, cure mediche e formazione, consentendo a intere comunità di vivere libere dalla fame.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends