LiberoReporter

Operazione antimafia a Palermo: arrestato Settimo Mineo capo mandamento Pagliarelli

Dalle prima luci dell’alba, ed è tutt’ora in corso, si sta svolgendo una vasta operazione antimafia, per colpire la ricostruzione della nuova Commissione provinciale di Cosa nostra a Palermo. Su ordine della Dda palermitana, i Carabinieri del Comando provinciale del capoluogo siciliano, hanno eseguito vari fermi nei confronti di 46 persone, ritenute a vario titolo responsabili di associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsioni eseguite e tentate, fittizia intestazione di beni, porto abusivo di armi, danneggiamento a mezzo incendio e concorso esterno in associazione mafiosa. Tra gli arrestati vi è anche colui che è considerato il nuovo Boss della Commissione provinciale: si tratta del capo mandamento della zona di Pagliarelli, Settimo Mineo. Gli inquirenti sono riusciti, dopo lunghi e vari appostamenti, ad ascoltare e registrare esattamente il momento in cui si stavano riorganizzando le figure all’interno di Cosa nostra e a documentare l’avvenuta ricostituzione della nascente Commissione provinciale di Palermo. Nonostante Mineo fosse altamente guardingo, tanto da non usare alcun mezzo di comunicazione e addirittura preferire di camminare a piede piuttosto che entrare in una vettura, per paura di essere intercettato, gli inquirenti sono riusciti nell’intento. Già nel 2006, quando era braccio destro del Boss Antonino Rotolo, Settimo Mineo era finito in carcere.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends