LiberoReporter

Eclissi di Luna: questa notte a naso all’insù, 3bmeteo ci spiega le varie fasi – video

Saranno sicuramente la coppia più bella del cielo, entrambi vestiti di rosso, vicini, vicini come raramente si potrebbe verificare. Non stiamo parlando di due amanti, tirati a “lucido” per un evento di gala ma bensì della Luna e di Marte. Il grande spettacolo è previsto nella serata del 27 luglio quando si verificherà l’eclissi di Luna più lunga del secolo: ben 103 minuti. Anche Marte, non si perderà il grande spettacolo, tant’è che si troverà molto vicina alla minima distanza dal nostro satellite ( 31 luglio sarà a solo 57.590.630 chilometri), in quella che viene definita la grande opposizione. Sarà infatti nella posizione opposta al Sole rispetto alla Terra e apparirà più luminosa che mai nel suo consueto abito rossastro, mentre la Luna si tingerà anch’essa di uno splendido coloro rossastro, quasi a copiare la sua “amica”.

L’animazione realizzata con il software Stellarium mostra in modo accelerato il percorso della Luna tra le ore 21 italiane del 27 luglio e l’1:30 del mattino del 28 luglio, dalla latitudine di Roma. A destra, il dettaglio del disco lunare che mostra come varia la sua illuminazione durante lo stesso intervallo di tempo. Crediti: Marco Galliani – Media INAF – Stellarium

Dove si vedrà lo spettacolo? Per assistere allo spettacolo non servirà altro che un cielo sgombro da nubi. Si vedrà da Nord a Sud, dalla Valle d’Aosta sino alla Sicilia. Sono talmente luminosi da poter essere visti anche tra le luci delle città. Sorgeranno a Est, subito dopo il tramonto.

Dove sarà visibili l'eclissi più lunga del secolo
Dove sarà visibili l’eclissi più lunga del secolo

A che ora inizierà? La prima fase dell’eclissi, quella di penombra, inizierà infatti prima che la Luna sorga, pochi minuti prima delle 21. Il 27 sera la Terra si troverà tra il Sole e la Luna e proietterà sul satellite un cono d’ombra. Man mano che scenderà l’oscurità sarà sempre più apprezzabile l’ombra che avanza sul disco lunare con le località di mare, dove l’est è libero, favorite. La fase di totalità si raggiungerà tra le 21:30 e le 23:13, mentre il massimo dell’eclissi è previsto alle 22:22. Lo spettacolo si concluderà all’1:30 della notte del 28 luglio. In aggiunta si tratterà anche di un’eclissi di miniluna, visto che il nostro satellite sarà, infatti, alla massima distanza dalla Terra, oltre 406.000 chilometri.

Gli orari delle varie fasi dell’evento sono comunque i seguenti e stavolta li ho espressi per comodità in ora locale (quella dei nostri orologi, comprendente anche l’ora legale)

  • P1 = 19h 14m : primo contatto penombra
  • U1 = 20h 25m : primo contatto ombra
  • U2 = 21h 31m : inizio fase totale
  • G = 22h 22m : fase massima dell’eclissi
  • U3 = 23h 14m : fine fase totale
  • U4 = 00h 20m : ultimo contatto ombra
  • P4 = 01h 31m : ultimo contatto penombra
Eclissi di Luna del 27 luglio
Eclissi di Luna del 27 luglio

 

Perché abito rosso anche per la Luna? Il colore rossastro è dovuto al fatto che solo una piccola frazione della luce solare, appunto quella rossa, è filtrata dall’atmosfera e proiettata sulla Luna.A tutti verrebbe da pensare che la Luna scompaia dentro l’ombra della Terra assumendo una colorazione nerastra. Ma in realtà non è così. Se ci immaginiamo di essere degli spettatori sulla superficie lunare vedremmo il Sole tramontare dietro alla Terra. Essendo il Sole molto basso sull’orizzonte, in analogia a quando tramonta sulla Terra, emetterà raggi che attraverseranno una grossa porzione di atmosfera. Durante il suo passaggio solo quelli prossimi alla tonalità del rosso passeranno giungendo quindi sulla superficie della Luna.

La Luna apparirà rosso scuro. Questo perché l'atmosfera della Terra devia la luce solare radente, e la parte rossa viene deviata più della parte blu.
La Luna apparirà rosso scuro. Questo perché l’atmosfera della Terra devia la luce solare radente, e la parte rossa viene deviata più della parte blu.

 

Perché è uno spettacolo da non perdere? Nonostante le eclissi lunari sono un fenomeno piuttosto frequente, se ne registrano in media tre ogni due anni, quella di venerdì sarà la più lunga di tutto il Ventunesimo secolo. Inoltre sarà ben visibile in tutta Italia, un evento che non si verificava da molto tempo.

Perché durerà così tanto? La sua elevata durata sarà frutto di diversi fattori: ricordiamo che l’eclissi di Luna avviene quando l’ombra della Terra viene proiettata sul nostro satellite in fase di plenilunio, nel momento in cui Luna, Terra e Sole si trovano allineati. In questo caso l’orbita lunare incrocerà proprio la parte centrale del cono d’ombra prodotto dalla Terra e in più sarà alla massima distanza dalla nostra Terra ( apogeo lunare ). La Luna infatti apparirà più piccola ( al contrario di quando si ha la cosiddetta Super Luna, ovvero il satellite si trova alla minima distanza con la Terra ). Non solo, ma in quel periodo la Terra sarà alla massima distanza della sua orbita dal Sole (afelio ) e questo contribuirà a rendere ancora più grande il cono d’ombra prodotto dal nostro pianeta.

Il tempo meteorologico sarà dalla nostra parte? Fortunatamente si visto che il bel tempo dovrebbe accomunare un po’ tutte le regioni dello Stivale. Tuttavia, specie nella prima parte dell’evento, qualche annuvolamento potrebbe presente lungo la dorsale appenninica, Prealpi e regioni di Nordest.

(fonte e dati: 3bmeteo.com)

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends