LiberoReporter

Assange: Svezia chiude indagine per stupro su fondatore Wikileaks

L’indagine per stupro contro il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, portata avanti in Svezia, è stata chiusa dal capo della procura pubblica Marianne Ny. Nonostante abbiano gli svedesi abrogato il mandato d’arresto, Assange non potrà lasciare la sede diplomatica dell’Ecuador nella City, senza finire in manette, come comunicato oggi da Scotland Yard.

julian_assange ©     Espen MoeLa procura svedese ha annunciato la chiusura dell’indagine per stupro contro il fondatore di Wikileaks, Julian Assange. Il capo della procura pubblica, Marianne Ny, ha deciso di portare a conclusione l’inchiesta avviata nel 2010, ha reso noto la procura svedese in un comunicato. Assange ha sempre respinto l’accusa e il suo difensore svedese Per E Samuelson aveva avanzato una richiesta all’inizio di maggio per la revoca del mandato di cattura a suo carico. I procuratori svedesi hanno ora abrogato il mandato di arresto.

Il fondatore di Wikileaks verrà comunque arrestato se lascerà la sede diplomatica dell’Ecuador a Londra. A chiarirlo è stata Scotland Yard, dopo l’annuncio della procura svedese. La Metropolitan Police ha chiarito che gli ufficiali di polizia sono ancora “obbligati ad eseguire” un ordine di arresto pregresso malgrado l’annuncio della procura svedese che ha chiuso l’indagine preliminare per stupro e abrogato il mandato di cattura ad essa legato.


RELATED ARTICLES

Back to Top