LiberoReporter

Onore agli Eroi: i nostri “Angeli” del fuoco

vigli-del-fuoco

Da bambini, quando ci chiedevano cosa volessimo fare da grandi, la risposta era sempre la stessa quasi per tutti: l’astronauta, il calciatore ma soprattutto il “pompiere”. Non c’era regalo migliore, sotto l’albero, di un bellissimo camion dei Vigili del Fuoco, con elevatori, scale e lampeggianti. Erano i “draghetti” a suscitare la nostra fantasia, e “Grisù”, era quello da noi preferito. Quando ci prendevano in braccio li vedevamo come giganti: con le loro belle divise, quelle imbottiture che li rendevano immortali e quei caschi con visiera argentata che gli conferiva un tocco di inconfondibile “marzianità”. Altissimi, robusti, enormi, immensi, quasi come degli Dei “indistruttibili”. Crescendo ci siamo poi accorti che non erano divinità, non erano invincibili ne tantomeno di un altro pianeta ma semplicemente (si fa per dire) degli umili servitori dello Stato.
Già, perché è cosi che loro vogliono essere chiamati, senza lode e senza particolari eufemismi. Non amano la ribalta, quello “giustamente” spetta ai Commissari di Polizia e ai Colonnelli dei Carabinieri, e mentre nei vari talk show di cronaca nera le altre forze dell’ordine si mostrano al pubblico, loro sono sempre sul campo, nelle retrovie televisive, ma in prima linea a lavorare e a sporcarsi di sangue e fango. Sono i primi ad arrivare e gli ultimi a partire. Nessun corpo al mondo può intervenire la dove intervengono loro e nessuno può fare ciò che riescono a fare loro. Perché è il coraggio che rende unici questi “ANGELI”!
Esperti “palombari”, piloti di eccezionale bravura, scalatori,  alpini, elicotteristi, e soprattutto i veri EROI dei giorni nostri. In 343 muoiono sotto ai grattacieli newyorkesi. In tanti si addentrano nelle alluvioni più devastanti, da New Orleans a Genova. Prestano soccorso nelle chiese e nei palazzi ancora pericolanti dopo un  sisma; si calano nei pozzi più profondi. Vedono nelle strade ciò che gli altri non riuscirebbero a sopportare e si lanciano verso le fiamme dell’inferno.
Dalla “grande mela” al Vajont, dalla lontana California alla città di Assisi, passando per l’Irpinia, l’Emilia e le numerose missioni all’estero, uniti all’unisono dallo stesso spirito, intriso di aggregazione, altruismo e senso del dovere. La triste storia di Longarone e di quel maledetto Monte Toc, è ancora viva nei nostri ricordi, così come lo è quella tragica di “Alfredino”. Altrettanto l’immagine indelebili che li vede martiri sotto il World Trade Center in macerie. In quelle istantanee c’è tutto di loro: polvere, fango, angoscia, tristezza ma anche audacia, ardimento, temerarietà ed eroismo. Eroismo appunto, ma guai a chiamarli Eroi.
No. La risposta è secca: “facciamo solo il nostro dovere, con umiltà”. Per mille euro al mese vi lanciate verso il pericolo, siete pronti alla morte, e andate a prendere il gattino sull’albero della povera vecchietta in lacrime, che vi ringrazia commossa.

Non desiderate che vi si chiami Eroi, ma per mille euro al mese vi immergete nei laghi ghiacciati e pericolosi del mondo in ricerca e salvezza delle vite altrui.
Non desiderate che vi si chiami Eroi, ma per tirare fuori una bambina dalle fiamme di una casa sareste disposti a morire voi stessi, per mille euro al mese.
Non desiderate che vi si chiami Eroi, ma per calarvi in elicottero e salvare sui tetti la povera gente travolta dalle acque siete sempre pronti, fino allo stremo.
Non desiderate che vi si chiami Eroi, ma siete corsi come pazzi su per quelle scale delle Torri Gemelle, diretti, in braccio alla morte.
Non desiderate che vi si chiami Eroi, ma per mille euro al mese siete in ogni luogo e in ogni dove perfino a presiedere noiosi concerti.

Ma se domare le fiamme, donare i cuori e salvare vite umane non vuol dire essere Eroi, allora chi potrà mai fregiarsi di tale appellativo?
Lasciateci un po’ sognare. Il 4 dicembre è il giorno della vostra patrona, Santa Barbara. Lei vi protegge e voi la pregate. Voi avete solo Lei; noi comuni mortali sappiamo di avere tutti voi, devoti e pronti al sacrificio. Questa è la vostra settimana “Santa”, una delle tante dell’anno che vi vede costantemente protagonisti. E anche se voi non volete, è proprio in queste ore che vi meritate dai vostri popoli un doveroso grazie. Grazie di esserci, grazie di lavorare per noi, grazie di essere quello che siete realmente: i nostri “piccoli” grandi EROI!

 

Mirko Crocoli

2 COMMENTS
  1. alerin60

    Articolo strepitoso, in realtà è difficile trovare aggettivi giusti per definirlo affinchè non appaia scontato e riduttivo, forse le uniche persone che possono veramente trovare il corretto aggettivo sono coloro che una volta nella loro vita sono stai salvati da questi ANGELI.
    Non trovo altre parole per rendere il giusto omaggio alla profondità ed alla completezza d’ analisi di questo articolo, senza poi menzionare il forte sentimento che suscita, andando dritto al cuore di ogni lettore.
    I miei complimenti al giornalista.

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends