LiberoReporter

Caso Grimaldi: un caso aberrante di malabanca. Ma andrà meglio con la giustizia?

Una vicenda davvero incredibile che inizia da una banale operazione finanziaria stipulata da un imprenditore che aveva bisogno di ampliare la propria attività.  Antonio Grimaldi è il nome dell’amministratore della Comesa, la società che contrae un mutuo di 413.000 euro  con la Banca Nazionale del Lavoro sede di Salerno che chiede in garanzia, come sempre accade, l’ipoteca sullo stabilimento valutato oltre un milione di euro. Grimaldi paga regolarmente le prime rate, circa € 67.000,  ma poi subisce un infarto  e deve affrontare un delicato intervento chirurgico. In tutto questo non versa alcune rate del mutuo. Certo, errore suo, ma da questo disguido scaturiscono conseguenze aberranti.

 

Non  appena si rimette in salute, Grimaldi corre in banca per ripianare la sua posizione debitoria che peraltro era assicurata con una polizza pretesa a parte all’atto del finanziamento.  Si presenta con un assegno circolare da € 30.000 ma la banca non l’accetta.  Cosa era successo? Semplice: la banca aveva venduto il credito per l’intero importo senza detrarre nemmeno le rate pagate per ben 67.000 euro.  Il credito era stato cartolarizzato alla Cordusio srl  che a sua volta l’aveva ceduto alla  Calliope Srl, che a sua volta aveva dato procura alla Pirelli Re Crediting. Di questi “passaggi” il signor Grimaldi non ha mai saputo niente. Ha scoperto tutte queste evoluzioni del suo mutuo soltanto quando ufficialmente ha chiesto alla BNL di rientrare dalla rate scadute.  Nel frattempo la banca aveva proposto istanza di fallimento presso il tribunale di Salerno pur avendo già ceduto il credito, ma l’istanza viene respinta dal Giudice.

A questo punto Grimaldi cerca di trattare, il figlio chiede a sua volta un mutuo di 250.000 euro per arrivare con sicurezza a una possibile soluzione,  Grimaldi si reca alla Pirelli Re Crediting di Napoli che di industria meccanica poco conosce, e propone 367.000 euro per riavere la sua azienda. L’offerta è buona, ammettono alla Pirelli, ma va migliorata. Grimaldi passa a 380.000€, ma ancora non bastano, Grimaldi passa a 400.000 € ma nemmeno basta . Arriva la richiesta ufficiale: vogliono 490.000€. Il signor Grimaldi non ce la fa e deve rifiutare.

Nel frattempo la Calliope srl, unico creditore della Comesa,  propone il pignoramento di una parte dell’immobile e non di tutto solo perché  viene commesso un errore procedurale sul pignoramento.  Il signor Grimaldi si oppone e nel frattempo la stessa Calliope tramite la Pirelli Re Crediting  ripropone anche l’istanza di fallimento, già rifiutata a sua volta alla BNL dallo stesso giudice che questa volta invece decide per il fallimento pur non essendoci nuovi debitori, la posizione è esattamente come nella precedente istanza della BNL e quindi tutte le procedure di opposizione del Grimaldi vengono di fatto congelate.   il signor  Grimaldi Antonio  perde tutto e perde anche i 250.000 euro prestati dal figlio Vincenzo in quanto vanno nelle mani della curatrice fallimentare.

 

Infatti l’imprenditore  che aveva  trovato tanta ostilità nella Calliope, per inciso unico creditore della Comesa,  si reca con € 250.000 euro in assegni intestati alla Calliope presso lo studio del curatore fallimentare della Comesa srl,  ingenuamente tali assegni furono lasciati a quest’ultimo la quale li incassò e li ascrisse all’attivo fallimentare, mentre l’intento del  Grimaldi era quello di devolverli a favore della Calliope srl a cui li aveva intestati  cercando invano di salvare la sua azienda.

La Calliope tramite la Pirelli Re crediting che ne è la procuratrice si insinua nel passivo della Comesa Srl per ben 608.000 euro e tutto viene accettato dalla curatela fallimentare senza nessun problema.

A nulla sono valse nemmeno le opposizioni fatte dalla famiglia Grimaldi alla dichiarativa di fallimento infatti le stesse venivano respinte dal tribunale di Salerno.

Nel frattempo veniva promossa anche la vendita immobiliare  dello stabilimento alla cui asta si presentava un unico offerente, la CDM Costruzioni Generali srl di Sant’Antonio Abate (NA),  la quale si avvaleva del falso presupposto, asserito dal delegato alla vendita, un certo  Ugo Sorrentino, che dichiarava che gli immobili erano liberi mentre invece erano stati affittati alla Comeg srl e alla Ficm srl,  con contratti regolarmente registrati,  e nonostante che la stessa curatrice fallimentare, una certa Simona Romeo, aveva regolarmente incassato gli affitti senza rilasciare oltretutto alcuna quietanza agli inquilini.  Non ci crederete ma il 15/06/2012 la Comeg srl,(ossia l’inquilino) malgrado il contratto registrato e il regolare pagamento dell’affitto,  ha subito l’estromissione dallo stabilimento da parte dell’ufficiale giudiziario di Mercato San Severino che sotto ordine del Giudice dell’esecuzione immobiliare Dott.Brancaccio e  con l’aiuto di ben 15 carabinieri  ha apposto i sigilli al capannone,  con l’aggravante che  all’interno dello stesso vi fossero  macchinari meccanici indispensabili per la lavorazione di proprietà della stessa  Comeg Srl per il valore di oltre 1 milione  e mezzo di euro, le commesse dei clienti in corso, e 15 dipendenti sono stati gettati sulla strada. Fatti, questi, che hanno catturato l’attenzione dei media locali.  Tutto ciò accadeva malgrado l’opposizione in corso, presentate al G.E.  Dott. Brancaccio  presso il Tribunale di· Salerno che per questo· ora dovrà rispondere della mancata sospensione dell’esecuzione.

Il Grimaldi ha sporto denuncia penale contro la BNL e la Calliope srl per estorsione, appropriazione indebita, usura e altre illiceità su cui la Guardia di Finanza sta indagando dietro incarico del PM Dott.ssa De Angelis che nel contempo ha chiesto la sospensione dell’esecuzione, anche ai sensi della Legge  n. 3 del 23.1.2012, ma fino ad oggi il PM non si è ancora pronunciato.

Contemporaneamente è iniziata azione civile da parte dei nuovi legali del Grimaldi, Avvocato Umberto Spadafora contro il fallimento e per la restituzione dei 250 mila euro versati e indebitamente trattenuti, nonché è stata espressa riserva sull’operato del professionista delegato alla vendita all’asta il quale con la sua mendace attestazione ha favorito l’acquirente che si è aggiudicato gli immobili per un valore di almeno quattro volte inferiore a quello reale. La stessa condotta del G.E. Doti.Alessandro Brancaccio è stata posta in discussione e ritenuta quantomeno arbitraria e con abuso di potere e di diritto, in quanto non ha controllato la veridicità delle asserzioni del delegato alla vendita e non ha sospeso l’asta neppure in presenza di una relazione di un ctu da lui stesso nominato che denotava l’anomalia delle costruzioni affette da parziale abuso edilizio non ancora sanato.

Il signor Grimaldi era uno stimatissimo imprenditore, aveva un’impresa che andava a gonfie vele, tanto che aveva avuto la necessità di ampliare l’azienda, ma ancora una volta, grazie alle banche, alle leggine costruite ad hoc sulle famose cartolarizzazioni e i vari giochi derivanti,  le imprese vengono soppresse, i loro beni mandati all’asta per una manciata di pane, con l’assoluta “allegria” di curatori e vari professionisti che in un Paese civile agirebbero ben diversamente.

Daniela Russo

 

 


50 COMMENTS
  1. L.E. Lab

    Analizzare i conti correnti, è il primo passo per essere informati!

  2. Giancarlo Porcini

    COESISTENDO TALI GRAVISSIME ANOMALIE INFICIANTI IL BUON FUNZIONAMENTO DELLA GIUSTIZIA, IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE HA IL DOVERE,..RIPETO IL DOVERE DI SEGNALARE QUESTE ANOMALIE STRATEGICHE INSITE NEL CODICE CIVILE E NELLE SUE APPLICAZIONI CHE VIOLANO DIRITTI INTOCCABILI DELLA COSTITUZIONE A DANNO DEI PIU' DEBOLI FAVORENDO IL POTERE DELLE BANCHE,..,.NON SI PUO' FAR FINTA DI NIENTE E DIRE " RISPONDO AD ORDINI SUPERIORI- LA LEGGE-",.. …..ANCHE I NAZISTI DEI FORNI CREMATORI DI AUSCHWITZ DICEVANO COSI',.E POI UNO PER UNO SONO STATI PROCESSATI A NORIMBERGA,…. ED OGGI QUESTI CRIMINI SI RIPETONO SENZA NEMMENO LA GIUSTIFICAZIONE DI ESSERE COMPIUTI IN UNO STATO DI GUERRA,.!!! NON CI SRA' POSTO AL MONDO OVE QUESTI CRIMINALI CHE HANNO SPINTO AL SUICIDIO CENTINAIA D'INNOCENTI PER VIL DENARO,.SI POTRANNO NASCONDERE !!!

  3. Felice Antonini

    CASO PACETTO RAGUSA SCATTA LA SOLOIDARIETA':Mariano Ferro assicura “Rimarremo qui con la famiglia Pacetto. Abbiamo schierato i camion ed i trattori a presidio,PURTROPPO I GRIMALDI NON HANNO TROVATO NESSUNA SOLIDARIETA

  4. Giancarlo Porcini

    ALMENO DAL 7 MARZO 1996-LEGGE SULL'USURA, CON OBBLIGO DELL'EMERSIONE DEL TEG DI TUTTE LE CONTABILITÀ ATTUALIZZATE IN SALDO DOPO IL 7 MARZO 1996, MOLTI GIUDICI DELL'ESECUZIONE OPERANO IN CONTRASTO DEGLI ART. 3 E 24 COSTITUZIONE, POICHÉ' AUTORIZZANO VENDITE ALLE ASTE COESISTENDO UNA GRIGLIA FUNZIONALE DELL'INTERO CODICE CIVILE TOTALMENTE SCOMPENSATO A FAVORE DELLE BANCHE,.. LE PAROLE DEL GIUDICE BERRUTI SONO UNA FOTOGRAFIA AD ALTISSIMA RISOLUZIONE DI QUESTO STATO DI FATTO CHE DOVREBBE VEDERE L'INTERVENTO IMMEDIATO DEL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA E DELLA CASSAZIONE PER ALMENO SOSPENDERE E/O SEQUESTRARE LE PROCEDURE GIUDIZIARIE, VERI E PROPRI CRIMINI COMMESSI A DANNO IRREPARABILE DELLE MINORANZE !!!

  5. Giancarlo Porcini

    L'INTERA GRIGLIA DEL CODICE CIVILE E' SBILANCIATO A FAVORE DELLE BANCHE,…ECCO LO STATO DEL CODICE CIVILE USATO ANCHE NELLE ASTE GIUDIZIARIE, COME BEN LO DESCRIVE IL GIUDICE DI CASSAZIONE GIUSEPPE MARIA BERRUTI, A CUI DOVREBBE ANDARE UN NOBEL PER IL CORAGGIO E PER L'INTRANSIGENZA,.. L'AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA NELLE ASTE GIUDIZIARIE E' COMPLETAMENTE SBILANCIATO A FAVORE DELLE BANCHE ,.QUESTO VIOLA GLI ART. 3 E 24 COSTITUZIONE ,..NON E' PIU' SOSTENIBILE QUESTO STATO DI FATTO, IN UNA SITUAZIONE DI GRAVE VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI !!1 AL LINK. http://www.corriere.it/opinioni/13_settembre_23/berruti-difficile-difendere-diritti-deboli_6e1484b6-242f-11e3-952d-4ca9735c4400.shtml

  6. Idina Driver

    posso capire come si sente il sig Grimaldi, purtroppo la corruzione è ovunque e da sempre. Io so per certo che tanti anni fa, un curatore fallimentare si fece comprare addirittura con una sedia da scrivania e due o tre radiatori elettrici . Da che momdo è mondo tanti disonesti sono in posti di lavoro dove possono decidere in base a quanto viene offerto e poi dato a loro !!! Comprai delle attrezzature in un fallimento e fortunatamente misi 100.000 lire in più di quello che avevamo stabilito con avvocato e terza parte. Eravamo solo in due a fare l'offerta e l'altro era un nostro concorrente che sapeva già quello che noi avremmo offerto e mise 50.000 lire in più della nostra presunta offerta. Fortunatamente seguimmo l'idea del nostro avvocato cambiando all'ultimo minuto. Vincemmo la gara. Per una volta ci fù giustizia sulla corruzione !!!!

  7. Sebastiano Di Terlizzi

    non potevano cedere il debito a nessuno senza aver prima avvisato l'interessato e tra l'altro lui doveva accettare…diversamente l'illecito non è suo e secondo me legalmente lui poteva impugnare da subito la situazione e rovesciarla a suo favore…

  8. Franco Jadanza

    questa è un'operazione di mafia legalizzata! che altro dire? tutti in galera dal primo all'ultimo! questa sarebbe giustizia!

  9. Salvatore Ingrosso

    IN SIMILI SITUAZIONI SI TORNA ALLA LEGGE DEL FAR WEST AVREI MASSACRATO TUTTI I DIPENDENTI DELLA BANCA E A MANO A MANO GLI ALTRI COMPRESI I DIECI CARABINIERI IN UN MONDO DI INTELLIGENTI TUTTI HANNO LA FACOLTA' DI RAGIONARE E OBBEDIRE E VICEVERSA:MORS TUA VITA MEA DICONO I LUPI FAMELICI INVECE CE' MUOIA SANSONE CON TUTTI I FILISTEI.REPUBBLICA DI PUTTANE TROIE PARASSITI PAPPONI MAGNA MAGNA TR$UFFATORI LADRI E MAZZETTARI.

  10. Nicoletta Marina Forcheri

    Brava Daniela Russo ma se dicevi che BNL vuol dire BNP Paribas, criminale in capo che scorrazza liberamente comprando tutti e rapinandoci qua in Italia, era meglio

  11. Vincenzo Grimaldi

    La ringrazio per le sue parole che ci danno forza nel lottare e ci fanno capire che non siamo soli e che anche lei la pensa allo stesso modo riguardo il tribunale di salerno questo sta a dimostrare che non sbagliamo affatto. La contatterò via e-mail grazie .

  12. Giancarlo Porcini

    NULLA RESTERÀ' IMPUNITO ED APRIREMO LE PORTE DEL TRIBUNALE INTERNAZIONALE PENALE DI UNA NUOVA NORIMBERGA,…. PER PROCESSARE QUESTI CRIMINALI PER CRIMINI CONTRO L'UMANITÀ,…OVUNQUE ESSI SI NASCONDONO,…..OLTRE 3000 CITTADINI OFFESI DALL'USURA SONO STATI PRIVATI DELLA PRESENZA DEL GIUDICE TERZO NEL TRIBUNALE DI SALERNO!, SEZIONE ESPROPRIATIVA E FALLIMENTARE DAL 2002 AL 2013,…!!!

  13. Giancarlo Porcini

    ABBIATE FIDUCIA NELLA MAGISTRATURA,… CHI VI HA MANDATO I CARABINIERI ERANO COMPONENTI DI UNO STATO DEVIATO CHE SI NASCONDE VIGLIACCAMENTE DENTRO UNO STATO ISTITUZIONALE NEL TRIBUNALE DI SALERNO,…..

  14. Giancarlo Porcini

    A SALERNO LA GIUSTIZIA Eì SOTTOSCACCO EL POTERE DELLE BANCHE,….E ABBIAMO VISTO LA FINE DELLA MPS ,….

  15. Giancarlo Porcini

    DENUNCIATE, DENUNCIATE, ANDATE ALLA DIREZIONE NAZIONALE ANTIMAFIA,…OLTRE LA PROCURA ,…A ROMA IL PM .NELLO ROSSI HA MESSO SOTTO INCHIESTA GIUDICI E PRESIDENTE E DUE COMPONENTI DELLA SEZIONE DEL TRIBUNALE CH SI OCCUPA DI BANCAROTTA E FALLIMENTARE,..

  16. Vincenzo Grimaldi

    Egregio Architetto la ringrazio per i preziosi consigli ne parlerò con l'avvocato ,quello scritto nell'articolo è solo la punta dell'iceberg della storia in quanto ci sono tante altre cose raccapriccianti che non è stato possibile scrivere altrimenti l'articolo diveniva troppo lungo. In poche parole al tribunale di salerno sono tutti contro di noi, per ultimo a fine anno abbiamo avuto anche una bella denuncia da parte dei carabinieri della locale stazione per resistenza a pubblico ufficiale e tante altre cose scritte non vere per quel giorno che vennero a metterci i sigilli noi ci siamo sempre purtroppo comportati bene addirittura papa malato di cuore si senti male e venne l'autombulanza, ci impedirono di filmare tutto quello che hanno fatto sia a noi che ai giornalisti siamo stati presi con la forza e addirittura ammanettati come se fossimo delinquenti mentre i veri delinquenti che erano li ridevano protetti dallo stato .Siamo noi che dovevamo denunciare loro per quello che ci hanno fatto. Comunque non ci fermiamo ci difendiamo anche dalle loro accuse infondate, a volte mi chiedo il perchè sia nato in queso paese.

  17. Giancarlo Porcini

    EGREGIO SIG. GRIMALDI, PRESENTATE LE VOSTRE DENUNCE GIA' PRESENTATE IN PROCURA DI SALERNO ALLA DNA, DIREZIONE NAZIONALE ANTIMAFIA,..I CAPITALI USATI NELLE ASTE FINISCONO NEL BUCO NERO DELLA MPS E LI' SI RIPULISCONO!!!

  18. Giancarlo Porcini

    ..E PER FINIRE ,… ANCHE LA BANCA D'ITALIA E' STATA INGANNATA DALLA MPS,.. MONTE PASCHI SIENA,..ATTRAVERSO I CUI SPORTELLI DELLE AGENZIE INTERNI AI TRIBUNALI E' ALTISSIMO IL RISCHIO DI RICICLAGGIO ATTRAVERSO LE ASTE IMMOBILIARI OVE NESSUNA CERTIFICAZIONE ANTIMAFIA O SIMILARE E' CHIESTA A CHI SI PRESENTA PER RICICLARE ED AUTO-RICICLARE CAPITALI DELLA MAFIA E DELLA MALAVITA ORGANIZZATA,…

  19. Giancarlo Porcini

    E' OVVIO CHE ORMAI CON QUESTE CONDIZIONI DI DISARTICOLAZIONE DI OGNI ATTIVITA' INVESTIGATIVA (IO ED UN ALTRO CITTADINO DI SALERNO ABBIAMO DENUNCIATO LA DISARTICOLAZIONE DI OLTRE 56 MAGISTRATI DA PARTE DI "IGNOTI" PER NON FAR EMERGER I REATI DI USURA BANCARIA+REATI CONNESSI,..E/O PER PROTEGGERE QUALCHE "INTOCCABILE") ,..E' OVVIO DICEVO CHE SOLO UNA COMMISSINE D'INCHIESTA GRANITICAMENTE BLINDATA E FEROCEMENTE OSTILE AD OGNI INTERFERENZA, POTRA' FAR LUCE SU QUESTI EPISODI BUI DELLA NOSTRA DEMOCRAZIA, MESSA IN PERICOLO DA ACCORDI CORRUTTIVI, COME LI DENUNCIAVA PERTINI NEL 1979 !!!!

  20. Giancarlo Porcini

    EGREGIO SIG.GRIMALDI,…..IN ITALIA IL SISTEMA SI AUTOPROTEGGE,.. FUNZIONA MENO IN EUROPA,..!!!……………….MA CONSERVIAMO NEL FONDO DEL CUORE E NELLA NOSTRA MENTE FIDUCIA PER I CORAGGIOSI MAGISTRATI CHE SPESSO RISCHIANDO LA LORO VITA CI HANNO DATO LA FORZA DI RESISTERE,..CONSERVIAMO IMMUTATA FIDUCIA NELLA MASSIMA CARICA DELLO STATO, IL PRESIDENTE NAPOLITANO E NON DIMENTICHIAMO IL PRESIDENTE PERTINI CHE NEL DICEMBRE 1979 TUONAVA PAROLE DI FUOCO CONTRO I CORROTTI E CONTRO CHI NON LI DENUNCIAVA, DIVENENDONE COMPLICI,.. !!!!

  21. Giancarlo Porcini

    DENUNCIATE L'APPLICAZIONE DELLA PENA DI MORTE MEDIANTE L'ISTIGAZIONE AL SUICIDIO MESSA IN ATTO PRESSO LA TERZA SEZIONE DEL TRIBUNALE DI SALERNO, DENUNCIATE VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI AL TRIBUNALE DI STRASBURGO E DENUNCIATE AL TRIBUNALE PENALE INTERNAZIONALE DELL'AIA GLI EX GIUDICI DELL'ESECUZIONE PER STRAGE, GENOCIDIO E CRIMINI CONTRO L'UMANITÀ,… PORTIAMO IN EUROPA UN VENTO DI LIBERTÀ E DEMOCRAZIA CON IL CORAGGIO DI SIMON WIESENTHAL CHE INCHIODO' AL TRIBUNALE DI NORIMBERGA I CRIMINALI NAZISTI,….DENUNCIAMO CON FORZA, SDEGNO ED OSTINAZIONE,.. I NUOVI NAZISTI CHE VIOLANO SISTEMATICAMENTE LE LEGGI E LE COSTITUZIONI DEGLI STATI EUROPEI!!

  22. Giancarlo Porcini

    INNALZATE IL LIVELLO DELLO SCONTRO,.. SE IN ITALIA NESSUNO ASCOLTA LE VIOLAZIONI DELLA COSTITUZIONE, GRIDATE PIU' FORTE A CHI E' SENSIBILE AI DIRITTI UMANI,..

  23. Vincenzo Grimaldi

    Egregio Archittetto Porcini condivido tutte le sue parole a nulla sono valse le nostre opposizioni al Dott.re Brancaccio, ai giudici della sezione fallimentare Dott. Jachia etc etc .Dal 2004 che lottiamo ma non ci fermiamo abbiamo fatto altre denuncie , il lavoro è la nostra vita e tutta questa gentaglia che gira nella 3 sezione civile del tribunale di salerno devono sapere che non avranno pace perchè non si rubano i sacrifici alla persone oneste .

  24. Vito Angileri

    se la situazione è realmente così, bisogna diventare dei terroristi ed incominciare a fare stragi

  25. Pino Schiavoni

    le banche sono le sanguisughe dell'economia italiana…sono vere cosche del malaffare

  26. Mufatti Flavio

    Beh quanto il berlusca diceva che i giudici che sbagliano devono pagare di tasca loro nn aveva poi tutti i torti

  27. Giuseppe Bramè

    Questo è il capitalismo gente, lo abbiamo voluto, sostenuto per anni e ancora c'è chi lo sostiene nonostante tutto. Niente e nessuno può eliminare le sue nefandezze senza eliminare i suoi rappresentanti in parlamento. Abbiamo le elezioni a disposizione, ma anche metà elettori che se ne fregano di votare, quindi non cambierà niente, a meno che una sollevazione popolare non li cacci a pedate nel didietro definitivamente e senza una lira. Quanto mi piacerebbe che accadesse, ma……

  28. Carla Tatta

    non cè coscienza pensano solo ai soldiè tutto disumano ecco perchè in italianon ci troviamo è uno schifo uccidono la voglia di lavorare

  29. Dani Franco

    Tutti i personaggi o meglio strozzini coinvolti dovrebbero mandarli in galera e buttare le chiavi come fanno in AMERICA.

    1. Romina Choosy de Nardis

      In America?!? Ma se è proprio lì che è iniziato il signoraggio e la cartolarizzazione! Sapessi quante persone sono finite sul lastrico nella "civile" America.

    2. Salvatore Ercole

      é vero romina, é cominciato tutto dall´america;ma é anche vero che quelli che hanno procurato il danno sono tuttora in galera, é non usciranno mai piú avendo avute pene superiori ai 100 anni da scontare in penitenziari di massima sicurezza. la vergogna del nostro paese é che da noi cé l´eldorato dell´immunita,(innanzitutto per i politici) in italia in galera ci finiscono solo persone bisognose, ""esempio"" se rubi un pacco di pasta al superermercato una salsiccia oppure un paio di scarpe. SIAMO DIVENTATI IL PAESE DELLA VERGOGNA

  30. Massimo Mc Quinzi

    la forca ci vorrebbe…ma la userebbero contro il popolo…quindi abituiamoci alla schiavitù e andiamo tutti a votare pagando due euro ! senza dimenticare di baciare le mani di chi ci bastona !

  31. Giovanni Barile

    ma la giustizia quella vera e le persone oneste che la dovrebbero amministrare dove sono finite?
    possibile che non ce ne siano più

    1. Carla Tatta

      cisono ci sono ma per loro non contiamo

  32. Federica Rosetti

    ha ha ha ma in questi giorni mi e capitato di vedere la pubblicità proprio di questa banca dice di essere vicino alle esigenze del cittadino , ha ha complimenti proprio da fidarsi di queste banche se non era anche per loro non saremmo nella mmmmmmmmm

  33. Marina Panzi

    e meno male che ci sono le banche che aiutano i bravi imprenditori, 15 famiglie sul lastrico, evviva!!!!!! ne sono inorridita!
    tutta la mia solidarietà alla famiglia Grimaldi.

    1. Ama Seriate

      finchè lasciamo la sinistra al governo, sarà sempre peggio!

  34. Federica Rosetti

    CERTE VOLTE PENSO DI ESSERE FORTUNATA DI VIVERE IN UN PAESE DEMOCRATICO E CIVILE , POI MI SVEGLIO E MI RITROVO IN COREA DEL NORD?? O IN AFGANISTA?? NON POSSO DIRE IRAN PERCHE' CREDO CHE DA QUESTO PUNTO DI VISTA NON CREDO SIA PEGGIO DELL'ITALIA

    1. Fabio Zannini

      la "giustizia", ha ha ha!!!

  35. Pasetti Mario

    Ma quali professionisti seguivano questi imprenditori? Penale, penale denunciarli tutti questi furfanti che sono in tutto il paese, questa è la strada

    1. Vincenzo Grimaldi

      Buonasera, ha ragione siamo stati seguiti da scicalli che si defionisco professionisti e mi creda ne abbiamo cambiati molti anche lungo il percorso , non abbiamo badato a spese sia chiaro per difenderci ma resta per inciso che a chiudere il cerchio c'è il tribunale di salerno noi le denuncie le abbiamo fatte e anche tante e stiamo ancora deunciando come avrà letto ma al tribunale sembra che le nostre denuncie non sono gradite …

    2. Giuseppe Formicola

      siate forti e non mollate…qui a torre del grego ci sono 13 mila famiglie nelle mani di questi sciacalli per un crak da 750 mln di euro ..che sono stati truffati dalla deiulemar navigazione. sperando che quella parte sana della magistratura faccia giustizia…

RELATED ARTICLES

Back to Top