LiberoReporter

Taxi: parcheggi vuoti in tutta Italia. Protesta liberalizzazioni

Protesta taxi a Napoli, in Piazza Plebiscito © BarOne/YouReporter

Contro la bozza di decreto sulle liberalizzazioni, i tassisti stanno effettuando varie manifestazioni: in varie parti d’Italia posteggi vuoti davanti aeroporti e stazioni ma anche in città. Presidio a Palazzo Chigi.

La reazione dei tassisti italiani al ventilato decreto del governo Monti sulle liberalizzazioni, sta creando il caos in molte città italiane. Non è stato sufficiente aver decretato uno sciopero per il 23 gennaio prossimo. Dopo alcuni blocchi nei giorni scorsi in alcune città italiane, anche oggi gli uomini delle auto bianche, stanno effettuando varie proteste in quasi tutto il paese. Parecchi posteggi, davanti a stazioni ferroviarie e aeroporti, sono vuoti ed è impossibile trovare un taxi all’uscita. Quei pochi taxi che si trovano nei posteggi, hanno un cartello posto sul cruscotto della vettura, con la scritta “Assemblea in corso”. Roma, Milano e Napoli, le città più colpite da questa protesta. Fiumicino è senza taxi: i turisti in arrivo nella capitale, sono disorientati, costretti a servirsi di altri mezzi per raggiungere il centro della città. Lo stesso per quando riguarda la stazione Termini, dove si registrano fortissimi disagi per la mancanza di vetture all’uscita. A Roma alcuni tassisti che stanno effettuando il servizio, sono stati oggetto di proteste con lancio di oggetti e urla da parte dei colleghi che stanno manifestando. Intanto davanti a Palazzo Chigi, i tassisti stanno tenendo un presidio. Anche a Milano, soprattutto in stazione centrale, i taxi si contano con il contagocce. Non va meglio a Napoli dove i tassisti sono quasi tutti in assemblea.

(video: la protesta a Napoli in piazza Plebiscito di BarOne/YouReporter)

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends