LiberoReporter

“Fatece largo che passamo noi”

Il Pd congela il referendum tra gli iscritti che avrebbe dovuto confermare o meno l’appoggio del Partito al governo regionale siciliano guidato da Raffaele Lombardo.

L’incipit del più famoso stornello romano sembra calzare a pennello con le modalità che il gruppo dirigente del Pd si ostina pervicacemente a perseguire (“Dall’Alpi alle Piramidi, Dal Manzanarre al Reno”) ogniqualvolta si profila all’orizzonte l’eventualità che la scelta su alcune opzioni politiche possa coinvolgere la cosiddetta “base”.
L’ultima illuminante performance in linea con questo “orientamento” riguarda la decisione, concordata fra i responsabili nazionali e regionali del Partito, di rinviare “sine die”  il referendum del 12 febbraio prossimo che avrebbe dovuto sancire l’appoggio o meno del Pd siciliano al governo Lombardo.
Pare che la decisione di sospendere la consultazione sia dovuta al concomitante svolgimento delle primarie per la scelta del candidato del centrosinistra a sindaco del Comune di Palermo nonché alla necessità di analizzare il ricorso presentato dai promotori del referendum che avrebbero denunciato uno stravolgimento, da parte del gruppo dirigente siciliano del Partito, dei quesiti a suo tempo proposti e sui quali erano state raccolte le firme .
Tuttavia, le giustificazioni che sarebbero state addotte per il congelamento del referendum appaiono quanto meno capziose. Le primarie, infatti, si terranno il prossimo 26 febbraio e interesseranno soltanto il capoluogo siciliano mentre per quanto riguarda il ricorso ci sarebbe stato tutto il tempo per poterlo esaminare accuratamente.
D’altra parte, l’allergia all’esercizio di percorsi democratici di decisione è una patologia di cui soffre buona parte del gruppo dirigente del Pd, siciliano e non. Basta soltanto ricordare con quale enfasi questo partito ha supportato la campagna referendaria su acqua, nucleare e giustizia del 12 e 13 giugno scorso.

Toni Baldi

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends