LiberoReporter

Rapporto Enea sull’efficienza energetica.

L’Enea stima, che il risparmio energetico italiano al 31 dicembre 2010 è stato di 44.800 Gwh, nel suo primo rapporto sull’efficienza energetica presentato al Senato. Gli interventi che hanno maggiormente contribuito all’obiettivo sono stati: l’installazione di impianti di riscaldamento efficienti nel settore residenziale; l’adozione di minimi standard di prestazione energetica; impianti di cogenerazione ad alto rendimento e il rinnovo in chiave ecosostenibile del parco autoveicoli. Sulla base dei risultati relativi ai vari settori, il residenziale è quello che ha avuto un’evoluzione dell’efficienza energetica più regolare (periodo 1990-2009). I trasporti  hanno avuto dei miglioramenti meno sostanziosi, mentre l’industria italiana negli ultimi quattro anni è riuscita ad apportare delle migliorie in relazione all’efficienza energetica. A livello regionale, in merito alle detrazioni fiscali per la riqualificazione degli edifici vi è stato un risparmio di 4.250 Gwh, di cui le maggiori percentuali sono relative a Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia-Romagna ed è in queste che gli investimenti sono pari a 7.520 milioni di euro . Le regioni nelle quali si è concentrata la quota più significativa di certificati bianchi sono: Lombardia, Toscana, Lazio, Emilia Romagna, Piemonte, Puglia e Campania.  “Con questo rapporto – afferma Giovanni Lelli, commissario dell’Enea – si evidenzia come il nostro Paese abbia saputo impegnarsi nell’efficienza energetica attuando una riconversione del sistema produttivo attraverso l’adozione di tecnologie più innovative”.

Giuseppina Barone

RELATED ARTICLES

Back to Top

Pin It on Pinterest

Share This

Condividi - Share This

Condividi questo post con i tuoi amici - Share this post with your friends